lunedì 20 gennaio 2014

L'antica Lucania. 11. Spartaco da Capua in Lucania

Dalle Periochae dei libri XCV e XCVI:

XCV. Settantaquattro gladiatori fuggiti dalla scuola di Lentulo a Capua, raccolto un gran numero di schiavi e prigionieri operai, iniziarono una guerra sotto il comando di Crisso e Spartaco e sconfissero l'esercito del pretore Publio Vareno e il suo vice Claudio Pulcher.
XCVI. 1. Il pretore Quinto Arrio schiacciò Crisso, il capo degli schiavi fuggiaschi, e 20.000 uomini. [72 aC] Il console Gneo Lentulo, però, inutilmente combattè contro Spartaco. Il console Lucio Gellio e il pretore Quinto Arrio furono sconfitti dallo stesso capo. 
6. Il proconsole Gaio Cassio e il pretore Gneo Manlio invano combatterono contro Spartaco, e la guerra venne limitata al pretore Marco Crasso.
XCVII. 1. Il pretore Marco Crasso prima combatté vittoriosamente contro una parte dei fuggitivi, soprattutto Galli e Germani, e uccise 35.000 di loro, tra cui i loro capi Casto e Gannico. Poi sconfisse completamente Spartaco, che venne ucciso con 60.000 persone.

Floro, Epitoma, II, 8:
Spartaco, Crisso ed Enomao, scappando dalla scuola gladiatoria di Lentulo con trenta o più uomini della stessa professione, fuggirono da Capua. Quando, convocando gli schiavi al loro livello, ebbero rapidamente raccolto più di 10.000 aderenti, questi uomini, che inizialmente si accontentavano di essere sfuggiti, ben presto cominciarono a desiderare di prendersi anche la loro rivincita.
La prima posizione che li attirò era fu il monte Vesuvio. Qui assediati da Clodio Glabro, scivolavano per mezzo di funi fatte di viti attraverso un passaggio nella cavità della montagna, fuggiti da una uscita nascosta, sequestrarono il campo di quel generale che non aveva previsto l'attacco. Poi attaccarono altri campi, quello di Varenio e poi quello di Thorano, e si sparsero su tutta la Campania. Non contenti del saccheggio delle case di campagna e villaggi, devastarono Nola, Nuceria, Thurii e Metaponto con una distruzione terribile.
Diventarono un esercito regolare con l'arrivo giornaliero di forze fresche, con rozzi scudi di vimini e pelli di animali, e spade e altre armi di ferro fuso. Non mancava alcuna cosa che era propria di un esercito regolare, la cavalleria si era procurata mandrie di cavalli e i suoi uomini portarono al loro capo le insegne e fasci catturati dai pretori, né erano rifiutato dall'uomo che, dall'essere un mercenario di Tracia, era diventato un soldato, e da soldato disertore, poi un bandito e, infine, grazie alla sua forza, un gladiatore.
Egli celebrò anche le esequie dei suoi ufficiali caduti in battaglia con i funerali come quelli dei generali romani, e ordinò ai suoi prigionieri di combattere al loro roghi, come se volesse spazzare via tutto il suo disonore passato, divenuto, invece che gladiatore, un donatore di spettacoli gladiatori .
Quindi, in realtà attaccando generali di rango consolare, infliggeva la sconfitta all'esercito di Lentulo sull'Appennino e distrusse il campo di Gaio Cassio a Mutina. Esaltato da queste vittorie, si trattenne dal progetto di una disgrazia sufficiente per noi - attaccare la città di Roma.
Finalmente fu fatto uno sforzo congiunto, sostenuto da tutte le risorse dell'impero, contro questo gladiatore e Licinio Crasso rivendicò l'onore di Roma. Instradato e messo a combattere contro di lui, i nostri nemici - mi vergogno di dare loro questo titolo - si rifugiarono nelle estremità più lontane d'Italia. Qui, essendo tagliata la via del Bruzio, si preparava a fuggire in Sicilia ma, non essendo in grado di ottenere le navi, cercarono di lanciare zattere di travi e botti legati insieme con vimini  per le veloci acque dello stretto.
Non riuscendo in questo tentativo, finalmente fecero una sortita e incontrarono una morte degna di uomini, combattendo fino alla morte. Spartaco stesso cadde da generale, combattendo coraggiosamente in prima fila (in Lucania).

Nessun commento:

Posta un commento